La scelta del naming che influisce sul prodotto (o viceversa)

Feb 2015
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Uno dei lavori più stimolanti per un creativo è quella di pensare al naming, proporre una serie di soluzioni e poi iniziare a “vestire” quelle selezionate.

In questo articolo vi raccontiamo la storia di un naming proposto che ha condizionato poi tutto il percorso del prodotto stesso.

Gli input iniziali, il brief di partenza ci raccontava di dare un nome ad una bibita energetica basata e creata su di un estratto di Tongat Alì, una particolare e rara radice indonesiana.

I benefici della radice sono molteplici: energia, antiinvecchiamento, maggiore lucidità e concentrazione e stimolazione della forza muscolare.

Un upgrade per chi vuole ottenere prestazioni fisiche di livello non indifferente.

Da queste considerazioni nasce il brand “25 force”, la bibita energetica che ti permette di avere la forza e la resistenza di un uomo di 25 anni, nel pieno del suo vigore fisico e con il giusto mix tra esuberanza ed esperienza. In più 25 sono gli anni che servono alla radice di Tongat Alì per arrivare ad essere pronta ed utilizzabile.

Due significati rilevanti per un naming chiaro, diretto ed inequivocabile.

Da qui si è partiti, poi in linea con l’analisi del mercato, la valutazione di player ben più affermati, le tendenze del settore e i desiderata della proprietà e del marketing dell’azienda si è proseguito nello sviluppo del brand e dell’immagine coordinata, delle prime soluzioni di packaging indubbiamente creative e di più soluzioni di advertising che ponessero in evidenza il prodotto, i suoi asset e l’apprezzabile veste grafica.

Un lavoro indubbiamente coinvolgente, soprattutto dettato dalle esigenze e dal respiro di internazionalità della prodotto stesso, un lancio e un’attività di diffusione che ci han visti coinvolti su più canali e mercati con un approccio strategico assolutamente dinamico: variare le scelte in funzione delle aperture commerciali.

Un feedback continuo, uno stretto legame tra area marketing, parte commerciale e direzione aziendale per un processo di lancio decisamente integrato e di ampio respiro a livello europeo.

Life